COSTELLAZIONI LARDERELLO/MONTEGEMOLI Ringraziamenti….

E anche questa è finita!!!
E’ stato un po’ più impegnativo del previsto, ma sono molto soddisfatto e contento. In attesa del video realizzato con i miei cari amici non-artisti I Santini Del Prete doverosi sono i ringraziamenti a tutti quelli che, in un modo o in un altro, hanno contribuito al “successo dell’impresa”, e sono circa una trentina di persone…
Da chi cominciare? Marco Ricci del Mastro, che vedendo il progetto di Pegaso ha avuto l’idea che l’ENEL di Larderello potesse essere il giusto partner e che insieme a Ursula Vetter dell’Accademia Libera l’hanno proposto alla Eleonora Raspi, la curatrice della biennale M’arte. A Sonia, Eleonora di Montegemoli e Billy che l’hanno approvata, all’assessore alla cultura Ilaria Bacci e al sindaco del Comune di Pomarance Loris Martignoni che hanno sposato e sponsorizzato anche loro l’iniziativa, all’ENEL naturalmente, sempre all’Eleonora di Montegemoli insieme ad alcune sue amiche che hanno cucito e tagliato 150 metri lineari di TNT, A Michele Bertoni, trovarobe formidabile per i telefoni vecchi, Massimo Giannoni per l’elettronica e tutti i momenti di brainstorming, Alessandra Ceccherini (Ale Cec) per il test del telo cucito, Walid Mokni, ancora Marco Ricci, Silvio Prudente, Gianni Calastri e Leila Cerri per l’audio italiano delle stelle, ancora Eleonora Raspi per la traduzione in inglese dei testi, la famiglia Joe Sykes (Lesley, Steve, Joe e altre 2 persone che di cui non so il nome) per l’audio in inglese, Ursula Vetter per la traduzione in tedesco, Ari Bracher e l’artista Dietrich Gortz più suo cugino, suo padre, un’amica immagino per l’audio in tedesco, Alessandro Zangirolamii per varie foto e l’aiuto pratico nel montaggio, lo stesso, per il montaggio un grazie a Alessio di Montegemoli, Andrea, Gigi Cerri, Fulvia Cerri per un pranzo veloce e una doccia, all’amico artista Enrico Pantani per la mia prima serigrafia, a Vittorio Cucini per le belle foto anche notturne e dall’alto del castello, ma un enorme grazie va infine a ALVIERO, per l’enorme aiuto pratico in tutto (costruzione dei ponti in alluminio, dei supporti per le stelle, per i pali (taglio e trivella per il terreno), la ricarica delle batterie, il controllo della luminosità notturna, e tanto altro…
Infine tutto questo forse non sarebbe accaduto se non avessi partecipato, grazie a Piergiorgio Castellani, alla residenza d’artista MateriaPrima a Ceppaiano, durante la quale ho realizzato la costellazione di Orione.. (e ringrazio Massimo Magrini/Bad Sector per la traccia audio…)

Qui in foto, lo schema, ormai martoriato della disposizione delle stelle, dei telefoni e l’impianto elettrico

20160822_123658

Annunci